Domande e Risposte

Domande e Risposte su Ministero della Salute vai

 

Domande e Risposte su RCovid19

 

È OBBLIGATORIO INDOSSARE LA MASCHERINA?

L’uso delle mascherine o altra protezione a copertura di naso e bocca, è obbligatorio. Deve essere rispettato in tutti i luoghi chiusi frequentati da persone che non siano coabitanti e in tutte le altre circostanze in cui la distanza interpersonale di 1 metro non possa essere rispettata. È vietato l’assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico.

Possono essere utilizzate mascherine di comunità, ovvero mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire una adeguata barriera e, al contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso. Sono esentati dall’obbligo di usare protezioni delle vie respiratorie, i bambini sotto i sei anni e i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina, ovvero i soggetti che interagiscono con i predetti. (Ordinanza n°49 del 3 giugno 2020 punto 6).

IN AEROPORTO E IN STAZIONE SARA’ POSSIBILE ESSERE SOTTOPOSTI A TAMPONE RINO-FARINGEO?

Al fine di armonizzare l’ubicazione delle postazioni in cui verrà offerta la possibilità di essere sottoposti a tampone rino-faringeo, dal 24 giugno 2020 saranno resi noti i luoghi (inclusi gli aeroporti e le principali stazioni ferroviarie) in cui sarà attivo lo screening. Restano comunque operative le attività di screening a chiamata dei Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende Sanitarie Provinciali.

ALL’INGRESSO IN REGIONE CALABRIA BISOGNA SOTTOPORSI A TAMPONE RINO-FARINGEO?

Sulla base dei dati del censimento i Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende Sanitarie Provinciali propongono uno screening ad alcune persone tra coloro che sono arrivati in Regione Calabria. L’adesione allo screening è volontaria ma fortemente raccomandata, a tutela dei soggetti stessi e della comunità.

IL CENSIMENTO ON LINE PER L’ARRIVO IN CALABRIA E’ OBBLIGATORIO PER QUALSIASI MOTIVO DI RIENTRO? CI SONO ESCLUSIONI?

Il censimento è obbligatorio per tutti i motivi che determinano l’ingresso in regione Calabria (rientro al domicilio- residenza – abitazione, salute, lavoro, turismo, ecc.).

Tale disposizione non si applica ai soggetti che facciano ingresso in Calabria in ragione di spostamenti funzionali (“comprovate esigenze lavorative”) allo svolgimento delle attività inerenti gli Organi Costituzionali, di funzioni pubbliche anche di natura elettiva, comprese quelle inerenti gli incarichi istituzionali.

CI SONO LIMITAZIONI SPECIFICHE AGLI SPOSTAMENTI CONSENTITI PER ENTRARE IN REGIONE CALABRIA DOPO IL 2 GIUGNO 2020?

Le limitazioni riguardano esclusivamente il divieto di ingresso e spostamento nel territorio regionale alle persone sottoposte, alla misura dell’isolamento domiciliare per provvedimento dell’Autorità Sanitaria, in quanto risultate positive al SARS-CoV-2/COVID-19 e per i soggetti con infezione respiratoria in atto e febbre (maggiore di 37,5° C).

Per gli ingressi dall’estero si applica quanto previsto dal DPCM 11/6/2020.

Non ci sono ulteriori limitazioni.

E’ tuttavia obbligatorio registrare il proprio arrivo in Calabria compilando l’apposita scheda di censimento on line, dal portale www.rcovid19.it, raggiungibile anche dalla pagina emergenzacovid.regione.calabria.it e attraverso l’app RCovid19.

FINO A QUANDO SONO VIGENTI LE LIMITAZIONI AI RIENTRI IN CALABRIA?

Le limitazioni hanno efficacia fino a tutto il 2 giugno 2020, salvo eventuali proroghe regionali o nazionali.

 

Fai una domanda

[wpforms id=”5380″]

 

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto